Per un bambino crescere insieme a fratelli e sorelle costituisce una risorsa insostituibile.

Infatti, oltre all’avere sempre “a disposizione” dei compagni di gioco, la presenza di fratelli contribuisce allo sviluppo delle competenze sociali e costituisce un fattore di protezione rispetto a eventuali problematiche familiari  e di fronte all’isolamento sociale. Inoltre, le interazioni con i fratelli offrono l’opportunità di esercitarsi nella cooperazione, nella condivisione, nella negoziazione, nella gestione della conflittualità e nel rispettare gli spazi e le differenze individuali di ciascuno.

fratelli giocoSecondo Dunn, una delle massime esperte di sviluppo infantile in campo internazionale, la partecipazione a giochi di finzione con i fratelli, costituisce per i bambini un’importante occasione di sviluppo e crescita che li avvantaggerà quando dovranno coordinarsi nei giochi con il gruppo dei coetanei.


FRATELLI ED AMICI

Numerose ricerche di Dunn hanno rilevato che i bambini instaurano relazioni diverse con amici e fratelli. L’autrice ha trovato che il rapporto con fratelli e sorelle ammette una maggiore conflittualità rispetto a quello con l’amico del cuore. Per esempio è considerato lecito togliere un giocattolo al fratello anche se gli si reca dispiacere, mentre con un amico questi atteggiamenti si evitano e si è più orientati alla condivisione.
Inoltre, l’autrice osserva che con gli amici non si deve “competere” per l’affetto dei genitori, mentre invece i rapporti con i fratelli sono spesso connotati da gelosie proprio per questo motivo.

FratelliUn’altra possibile causa della maggiore ostilità tra fratelli, potrebbe derivare dal fatto che, come scrive Dunn (2006), un fratello è per tutta la vita, invece il mantenimento di un’amicizia comporta sforzi maggiori e l’espressione aperta della conflittualità potrebbe mettere a rischio il legame.
Precedentemente Dunn e Brown (1996) avevano anche riscontrato una correlazione tra l’avere un rapporto positivo e affettuoso con il fratello e lo sviluppo della capacità di comprendere le emozioni e gli stati mentali degli altri.

FRATELLI COME MODELLI DI COMPORTAMENTO

fratelli imitazione

Va inoltre sottolineato che, in accordo con la Teoria dell’apprendimento sociale (Bandura, 1977), i più piccoli adottano numerosi comportamenti appresi dai fratelli maggiori, in quanto costituiscono per loro un modello da imitare.

 

Add Your Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.